«L’ambasciatore britannico va fatto a pezzi»

tensioni

L’ayatollah Ahmad Alamolhoda durissimo nei confronti del diplomatico Rob Macaire, dopo il suo fermo a Teheran: «Espellerlo sarebbe un atto di gentilezza» - Polemiche sui social network

 «L’ambasciatore britannico va fatto a pezzi»
©EPA/ABEDIN TAHERKENAREH

«L’ambasciatore britannico va fatto a pezzi»

©EPA/ABEDIN TAHERKENAREH

Non si placano in Iran gli attacchi contro l’ambasciatore britannico Rob Macaire, fermato sabato a Teheran durante una manifestazione di commemorazione delle vittime del Boeing ucraino abbattuto, trasformatasi poi in una protesta contro le autorità della Repubblica islamica. Ahmad Alamolhoda, ayatollah di Mashhad nel nord-est del Paese, ha pubblicamente minacciato il diplomatico davanti a un gruppo di fedeli, sostenendo che «va fatto a pezzi» e che espellerlo sarebbe un «atto di gentilezza nei suoi confronti».

Al fermo di Macaire, rilasciato dopo poche ore, era seguita la reciproca convocazione di ambasciatori tra Londra e Teheran, e la richiesta di espulsione del diplomatico inglese avanzata dal portavoce della magistratura, Gholamhossein Esmaili.

Le parole dell’ayatollah di Mashhad, nominato dalla Guida suprema Ali Khamenei e ritenuto un ultraconservatore, stanno suscitando indignazione anche tra utenti iraniani sui social network. Nel suo discorso, l’imam ha anche puntato il dito contro i manifestanti che nei giorni scorsi si erano rifiutati di calpestare le bandiere di Usa e Israele all’ingresso di un’università di Teheran, accusandoli di essere «la quinta colonna» di quei Paesi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1