L’America è un Paese in fiamme

Stati Uniti

In seguito ai gravi fatti di Minneapolis, nell’intera nazione si susseguono le manifestazioni così come le notti di violenza - Intanto il presidente, assediato, tiene la linea dura

L’America è un Paese in fiamme
© AP/Alex Brandon

L’America è un Paese in fiamme

© AP/Alex Brandon

Un’America confusa, impaurita e incerta si è svegliata ieri mattina con la voglia di avere qualche risposta alla crisi che l’attanaglia. Con un Paese ancora minacciato da una pandemia che non ha allentato la sua presa, decine di milioni di disoccupati senza prospettive immediate, molti hanno visto nelle manifestazioni antirazziste che stanno devastando il Paese il segnale più drammatico di una storica minaccia all’intero «sogno americano». Le immagini che le televisioni hanno continuato a diffondere per tutta la giornata e la palpabile emozione che tutti hanno manifestato durante il funerale di George Floyd a Minneapolis, come le esitanti e qualche volta contradditorie risposte che hanno ottenuto, però, non l’hanno rassicurata.

Le cifre sono drammaticheSotto gli occhi di tutti, sono apparsi...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1