L’arma era stata caricata poche ore prima da membri della troupe

TRAGEDIA SUL SET

La pistola che ha ucciso Halyna Hutchins era stata usata per fare «plinking», l’atto di sparare a lattine di birra o altri bersagli con pallottole vere per passare il tempo – L’assistente di regia in passato si è trovato su due set in cui sono avvenuti simili incidenti

L’arma era stata caricata poche ore prima da membri della troupe
© KEYSTONE (AP Photo/Jae C. Hong)

L’arma era stata caricata poche ore prima da membri della troupe

© KEYSTONE (AP Photo/Jae C. Hong)

La pistola che ha ucciso sul set del film Rust la direttrice della fotografia Halyna Hutchins e ferito il regista Joel Souza in New Mexico era stata usata poche ore prima da membri della troupe per una esercitazione con munizioni vere. Lo scrive il sito The Wrap - che copre il settore entertainment - citando un insider. Alcuni componenti della troupe avevano preso pistole di scena - compresa quella fatale - per andare a fare «plinking», termine usato per definire l’atto di sparare a lattine di birra o altri bersagli con pallottole vere per passare il tempo, riferisce la fonte.

Inoltre, secondo la CNN, che cita la società di produzione del film, Dave Halls, l’assistente di regia di Rust che ha passato ad Alec Baldwin la pistola di scena prima dello sparo fatale, era stato licenziato da una precedente produzione dopo che un incidente con un’arma da fuoco aveva ferito non gravemente un membro della troupe. Secondo la Rocket Soul Studios, Halls ricopriva lo stesso ruolo nella pellicola Freedom’s Path nel 2019, quando una pistola «ha sparato inaspettatamente» sul set, facendo balzare indietro un tecnico del suono - costretto a ricorrere alle cure mediche - e fermando la produzione per alcuni giorni.

Intanto la società di produzione di Rust ha annunciato la sospensione del film «almeno sino alla fine delle indagini».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1