L’era post-Merkel è cominciata: la Germania ha il suo «semaforo»

politica

Il nuovo Governo tedesco è a portata di mano: SPD, FPD e Verdi hanno presentato a Berlino un’intesa programmatica di 170 pagine - È nata la maggioranza chiamata a varare importanti riforme strutturali - Si punterà su salario minimo, pensioni, ferrovia e transizione energetica

L’era post-Merkel è cominciata: la Germania ha il suo «semaforo»
© DPA/Michael Kappeler

L’era post-Merkel è cominciata: la Germania ha il suo «semaforo»

© DPA/Michael Kappeler

Il nuovo Governo tedesco è a portata di mano: oggi i leader del partito socialdemocratico (SPD), dei Verdi (Grünen) e dei Liberali (FDP) hanno annunciato un’intesa programmatica per il futuro Governo del Paese: nasce così la maggioranza «semaforo» dal colore delle tre formazioni politiche.

Due mesi dopo il voto dello scorso 26 settembre ha così inizio il dopo-Merkel. «Nel 1924», ha esordito l’ormai cancelliere in pectore, il socialdemocratico Olaf Scholz, «fu installato il primo semaforo d’Europa a Potsdamer Platz, qui a Berlino; e anche allora le persone si chiedevano se avrebbe funzionato. Oggi è impossibile immaginare la vita senza i semafori». Quello partito in queste ore, insomma, non deve esser visto come un esperimento alla Frankenstein ottenuto montando a casaccio pezzi di culture politiche...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1