L’esercito israeliano attacca Gaza

medio oriente

Contrariamente a quanto comunicato in un primo momento, non ci sono truppe di terra nella Striscia - Netanyahu: «Andremo avanti per tutto il tempo necessario» - Le forze di difesa israeliane hanno ordinato ai cittadini di entrare nei rifugi antiaereo - Più di 100 le vittime palestinesi

L’esercito israeliano attacca Gaza
©EPA/HAITHAM IMAD

L’esercito israeliano attacca Gaza

©EPA/HAITHAM IMAD

L’esercito israeliano attacca Gaza
©AP Photo/Khalil Hamra

L’esercito israeliano attacca Gaza

©AP Photo/Khalil Hamra

L’esercito israeliano attacca Gaza

L’esercito israeliano attacca Gaza

L’esercito israeliano attacca Gaza

L’esercito israeliano attacca Gaza

L’esercito israeliano attacca Gaza

L’esercito israeliano attacca Gaza

L’esercito israeliano attacca Gaza

L’esercito israeliano attacca Gaza

(Aggiornato alle 09.48) Il portavoce militare israeliano Jonathan Conricus ha fatto sapere - contrariamente a quanto comunicato in un primo momento - che «attualmente non ci sono truppe di terra all’interno della Striscia di Gaza»: «L’aviazione e le truppe di terra stanno attualmente conducendo attacchi su obiettivi nella Striscia», ha aggiunto Conricus, adducendo «un problema di comunicazione interno». Gli attacchi sono dunque condotti con aerei e carri armati. Tutti i siti di informazione mondiali, dal «New York Times» al «Guardian», hanno aperto finora con l’annuncio dell’avvio delle operazioni di terra israeliane a Gaza. Il premier israeliano Benyamin Netanyahu ha scritto su Twitter: «Ho detto che avremmo fatto pagare un prezzo molto alto ad Hamas. Lo facciamo e continueremo a farlo con grande intensità. L’ultima parola non è stata detta e questa operazione proseguirà per tutto il tempo necessario». Secondo il quotidiano «The Times of Israel» le forze di difesa israeliane hanno ordinato ai cittadini che vivono in un raggio di 4 chilometri di entrare in un rifugio antiaereo e di rimanere lì fino a nuovo avviso. Il ministero della sanità di Gaza, citato da fonti locali, ha fatto sapere che i morti nella Striscia sono saliti a 119, di questi 31 sono bambini e 19 donne. I feriti seconda la stessa fonte sono 830. Domenica è prevista una riunione del Consiglio di sicurezza ONU. Dal canto suo, il dipartimento di Stato USA ha invitato i cittadini americani a «riconsiderare i viaggi in Israele a causa del conflitto armato e delle rivolte civili» e a non viaggiare nella Striscia di Gaza per gli stessi motivi, oltre che per la pandemia e il terrorismo. L’allerta per i viaggiatori in Israele, che nelle ultime settimane era stata abbassata per il miglioramento della pandemia, è stata alzata al livello 3 su quattro.

Colpiti oltre 150 «obiettivi sotterranei»

Per tutta la notte, circa 160 aerei dell’Esercito israeliano hanno colpito oltre 150 «obiettivi sotterranei» nel nord della Striscia di Gaza. Lo riferisce un comunicato delle Forze armate d’Israele citato dal «Guardian». Parallelamente ai raid aerei, forze di terra, artiglieria e truppe corazzate si sono schierate lungo il confine e hanno sparato centinaia di proiettili di artiglieria e carri armati. L’obiettivo degli attacchi, si legge ancora nel comunicato, era la rete dei tunnel sotterranei di Hamas, della quale «sono stati distrutti molti chilometri».

Circa 2 mila razzi da Gaza

Sono circa 2 mila i razzi lanciati finora da Gaza verso Israele. Lo ha fatto sapere l’esercito, citato dai media secondo cui nella passata notte ne sono stati tirati oltre 200 dall’enclave palestinese: di questi, 30 sono ricaduti all’interno della Striscia.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1