L’FBI non poteva informare la CIA

Il ricordo

Peter Regli aveva diretto i servizi informativi svizzeri fino al 2000 – L’errore della mancata condivisione delle informazioni dell’intelligence USA – «La minaccia islamista rimane, specialmente per il mondo occidentale»

L’FBI non poteva informare la CIA
Peter Regli. ©CDT/Archivio

L’FBI non poteva informare la CIA

Peter Regli. ©CDT/Archivio

«All’epoca si sapeva già chi fosse Osama bin Laden e cosa fossero l’islamismo e il terrorismo di matrice islamica. Prima dell’attacco sul suolo americano, nel 1998 ci furono gli attentati alle ambasciate USA di Nairobi e Dar es Salaam. Ma l’11 settembre ha cambiato completamente l’ordine liberal-democratico mondiale». Peter Regli, che fino all’anno prima dirigeva i servizi informativi svizzeri, quel giorno si trovava a casa sua, vicino Berna.

«Mi chiamò il nostro addetto militare all’ambasciata svizzera di Madrid, il colonnello Siro Muschietti, di Novaggio. Mi disse che dovevo assolutamente accendere la TV perché stava succedendo qualcosa di terribile. Mi sintonizzai sulla CNN, proprio nel momento in cui il secondo aereo si stava schiantando contro la torre sud del WTC. Poi vennero comunicati...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1