L’ultimo giorno di Trump: grazia a Bannon e rinvio delle espulsioni dei venezuelani

USA

Il presidente uscente ha concesso la grazia e 73 persone e commutato le condanne di altri 70

L’ultimo giorno di Trump: grazia a Bannon e rinvio delle espulsioni dei venezuelani
© AP Photo/Evan Vucci

L’ultimo giorno di Trump: grazia a Bannon e rinvio delle espulsioni dei venezuelani

© AP Photo/Evan Vucci

Il presidente uscente degli Stati Uniti Donald Trump ha concesso la grazia a 73 persone, tra cui - come preannunciato - il suo ex consigliere Steve Bannon. Lo ha comunicato la Casa Bianca. Poco prima di lasciare il suo incarico, «il presidente Donald J. Trump ha concesso la grazia a 73 persone e ha commutato le condanne di altre 70», ha reso noto la sua amministrazione in una nota.

Nella lista non figurano né lui né i suoi figli, come peraltro preannunciato nei giorni scorsi. Oltre a Steve Bannon, uno degli artefici della campagna presidenziale del 2016 prima di essere allontanato dallo stesso Trump e in seguito accusato di appropriazione indebita di fondi presumibilmente destinati alla costruzione del muro al confine tra Stati Uniti e Messico, tra le altre persone graziate ci sono il suo ex raccoglitore di fondi Elliott Broidy, perseguito per una campagna di lobbying illegale, e il rapper americano Lil Wayne che il mese scorso si è dichiarato colpevole per il possesso di un’arma da fuoco.

Nel suo ultimo giorno alla Casa Bianca, il presidente uscente degli Stati Uniti Donald Trump ha anche firmato un ordine esecutivo che sospende le espulsioni di venezuelani sul territorio degli Stati Uniti per 18 mesi, tenendo conto della crisi del Paese. «Ho deciso che è nell’interesse della politica estera degli Stati Uniti rinviare l’espulsione di qualsiasi cittadino del Venezuela, o straniero senza nazionalità che ha recentemente risieduto in Venezuela», si legge nell’ordine esecutivo firmato da Trump.

La misura è stata incoraggiata dagli alleati repubblicani del presidente in Florida, dove molti venezuelani si sono stabiliti dopo essere fuggiti dal loro Paese in preda a una grave crisi economica e politica. Secondo il Miami Herald, il decreto potrebbe riguardare fino a 200.000 venezuelani minacciati di arresto ed espulsione.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1