La democrazia europea indietreggia

Studio

Secondo un rapporto svedese, oltre la metà dei Paesi europei (il 56%), è soggetta ad erosione democratica, e delle dieci democrazie che stanno vedendo «seri scivolamenti», sei sono in Europa: Ungheria, Polonia, Romania, Serbia, Turchia e l’Ucraina

La democrazia europea indietreggia
© Shutterstock

La democrazia europea indietreggia

© Shutterstock

Nonostante l’Europa, dopo l’America del nord, continui ad essere la regione nel mondo col più alto quoziente di democrazia, «negli ultimi dieci anni c’è stato un declino generale: varie realtà testimoniano un’erosione democratica, se non veri e propri indietreggiamenti. Un declino che non può essere dissociato dall’ascesa di partiti anti-establishment». Emerge dalla relazione 2019 sullo stato globale della democrazia, pubblicata dall’Istituto internazionale per la democrazia e l’assistenza elettorale, con sede a Stoccolma.

Secondo il rapporto, oltre la metà dei Paesi europei (il 56%), è soggetta ad erosione democratica, e delle dieci democrazie che stanno vedendo «seri scivolamenti», sei sono considerate parte dell’Europa: Ungheria, Polonia, Romania, Serbia, Turchia e l’Ucraina (sebbene quest’ultima con minore portata).

Lo studio rileva un «malessere generale» tra i partiti politici tradizionali in Europa, che ha contribuito all’ascesa di movimenti populisti, estremisti ed anti-establishment.

«I motivi politici del populismo - si legge - includono una ridotta fiducia nei partiti politici tradizionali, ed una crisi di rappresentatività, oltre alla polarizzazione della sfera pubblica, approfondita anche dai social media». Tra i motivi socio-economici invece, si citano «le trasformazioni del mercato del lavoro, ed un aumento delle disparità socio-economiche».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1