Il gigante dei cieli

La fine del superjumbo

La Airbus mette fine alla produzione degli A380, i più grandi aerei passeggeri del mondo

La fine del superjumbo
Il gigante dei cieli. (Foto Keystone)

La fine del superjumbo

Il gigante dei cieli. (Foto Keystone)

ROMA - La decisione della Emirates di ridurre la sua ordinazione di 39 apparecchi (preferendo i più piccoli A330neo e A350) ha segnato la fine dell’A380, l’aereo passeggeri più capiente del mondo con le sue 544 poltrone su due piani nella configurazione standard. La Airbus, che lo aveva lanciato per sfidare il 747 della Boeing e dominare i cieli nel 21mo secolo, ha infatti annunciato dopo anni di vendite al di sotto delle attese che metterà fine alla produzione nel 2021. «Le nostre riserve di lavoro non sono più sufficienti», ha spiegato giovedì l’amministratore delegato del costruttore europeo, Tom Enders.

Operativo dal 2008, l’Airbus A380 doveva segnare una nuova era, ma i vari vettori sono stati prudenti nell’investire nel nuovo apparecchio, tanto grande da costringere gli aeroporti a costruire nuove piste e ad adattare i terminali per ospitarlo. Proprio la Emirates era stata fin qui la maggiore acquirente e riceverà 14 dei 17 velivoli che lasceranno le fabbriche nel prossimo triennio. Gli altri tre andranno alla giapponese ANA.

La fine della produzione, ha spiegato Airbus, potrebbe avere un impatto su 3.500 posti di lavoro.

Il Superjumbo è solo l’ultimo dei giganti dei cieli a finire in pensione.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Articoli suggeriti
Ultime notizie: Mondo
  • 1