«La guerra in Ucraina non si può escludere»

La crisi

Il dialogo tra l’OSCE, la NATO e la Russia si è insabbiato: gli Stati Uniti fanno sapere che per evitare il conflitto occorre far prevalere la diplomazia - Delusa dai nuovi colloqui di Vienna, Mosca però si prende una pausa

 «La guerra in Ucraina non si può escludere»
L’ambasciatore della missione americana all’OSCE Michael Carpenter.

«La guerra in Ucraina non si può escludere»

L’ambasciatore della missione americana all’OSCE Michael Carpenter.

Un dialogo tra sordi in un clima di tensione altissima, come non accadeva da decenni. Prosegue, ma senza risultati concreti, il dialogo tra la Russia da una parte e i partner della NATO e dell’OSCE dall’altra, incentrato sulla crisi dell’Ucraina. In una settimana costellata di riunioni d’emergenza per scongiurare un’escalation militare nel Donbass, la diplomazia è tornata al lavoro, i eri a Vienna, nell’ambito del Consiglio permanente dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa. Obiettivo: cercare soluzioni per evitareche la guerra in Ucraina possa davvero detonare, dato che lungo lo stesso confine ucraino il Cremlino - già da settimane ormai - ha dislocato oltre 100 mila soldati in assetto di guerra, un arsenale di sofisticate armi terrestri nonché e velivoli da combattimento...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1