La mano dell’ISIS dietro l’attacco alla moschea

afghanistan

I jihadisti hanno rivendicato l’attentato avvenuto ieri a Kandahar in cui sono rimaste uccise almeno 41 persone

La mano dell’ISIS dietro l’attacco alla moschea
© AP/Sidiqullah Khan

La mano dell’ISIS dietro l’attacco alla moschea

© AP/Sidiqullah Khan

L’Isis ha rivendicato con un comunicato l’attacco di ieri in una moschea in Afghanistan. Nell’attentato, avvenuto a Kandahar, sono rimaste uccise almeno 41 persone e oltre 70 ferite.

In un comunicato pubblicato su Telegram, i jihadisti hanno scritto che due kamikaze si sono fatti esplodere in due distinti attacchi in parti diverse della moschea, mentre i fedeli stavano pregando. «Il primo attentatore - si legge - ha fatto deflagrare la sua cintura esplosiva nella sala della moschea, il secondo nella zona centrale dell’edificio».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1