Quando i genitori di Gabriella Gutierrez, presidentessa 18.enne dell’organizzazione «Students for a Free Cuba», scapparono dal regime di Fidel Castro per emigrare verso Miami negli Stati Uniti, lei non era nemmeno nata. Ma più di sessant’anni dopo la fine della rivoluzione comunista del 1959, i segni del partito unico sono ancora vivi, anche sulla pelle di chi l’isola l’ha lasciata. E in queste settimane di proteste a Cuba, con migliaia di famiglie prive dei beni di prima necessità e censurate dal regime, sono state giovani come Gutierrez a salire in cattedra dalla Florida. Cubano-americane di prima generazione. Pronte a lasciare da parte le ideologie. Con una richiesta semplice: liberare l’isola. «Molti di noi sono grati di vivere negli Stati Uniti, ma non la sentiamo come prima casa», dice...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Mondo
  • 1
    diplomazia

    Dalla Cina aiuti per 500 milioni di dollari all’Asia centrale

    Il presidente Xi Jinping ha assicurato di voler sostenere la regione: ieri ha incontrato in modalità virtuale i leader di Kazakhstan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan per celebrare il 30. anniversario dell’instaurazione dei rapporti diplomatici

  • 2
  • 3
    domanda e risposta

    Yemen, la guerra esce dai confini: «I droni cambiano gli equilibri»

    Il conflitto si allarga agli Emirati Arabi Uniti - A inizio settimana i ribelli Huthi hanno risposto all’attacco della coalizione saudita colpendo nuovamente Abu Dhabi - Matteo Legrenzi: «Lo scontro per procura ha causato una delle crisi umanitarie più gravi di sempre

  • 4
    Crisi Ucraina

    Truppe corazzate in Crimea, Biden mette Putin nel mirino

    La Russia risponde alla mobilitazione di USA e NATO con esercitazioni, mentre Washington chiarisce quali saranno le sanzioni destinate a portare un duro colpo all’economia di Mosca se osasse varcare i confini dell’Ucraina

  • 5
    Francia

    LGBT, vietate le «terapie di conversione»

    Il Parlamento francese ha definitivamente adottato una legge che vieta le terapie che pretendono di «guarire» le persone LGBT: tali pratiche saranno punite con 2-3 anni di carcere e 30.000-45.000 euro di ammenda

  • 1