La polizia si ammutina in Bolivia

PROTESTE

Gli agenti si schierano dalla parte dei manifestanti in sei città contro il presidente Evo Morales, che denuncia: «È in corso un golpe»

La polizia si ammutina in Bolivia
© AP

La polizia si ammutina in Bolivia

© AP

La polizia si ammutina in Bolivia

La polizia si ammutina in Bolivia

La polizia si ammutina in Bolivia

La polizia si ammutina in Bolivia

La polizia si ammutina in Bolivia

La polizia si ammutina in Bolivia

Settori della polizia boliviana si sono ammutinati da ieri a Cochabamba e in altre città del Paese nel quadro di proteste di piazza contro il presidente Evo Morales, la cui recente conferma nelle elezioni del 20 ottobre è respinta dall’opposizione.

Secondo il quotidiano La Razon, l’ammutinamento è cominciato ieri pomeriggio nell’Unità tattica di operazioni di polizia (Utop) di Cochabamba e si è esteso nelle ore successive a settori di agenti di altri cinque dipartimenti: Chuquisaca, Tarija, Santa Cruz, Potosí e Oruro.

Il ministro dell’Interno, Carlos Romero, ha accettato la principale richiesta di Cochabamba, esonerando il capo della polizia dipartimentale, Raúl Grandy, dicendosi fiducioso di poter superare il malessere attraverso il dialogo.

Da parte sua il ministro della Difesa, Javier Zavaleta, ha escluso un intervento dell’esercito in questa crisi. Morales su Twitter ha sollecitato i propri connazionali a difendere la democrazia e la costituzione contro «l’attacco allo stato di diritto».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1