La Regina in campo per il vaccino, ‘farlo è un dovere’

UK

Elisabetta II spiega ai sudditi: «pensare agli altri prima che a sé stessi»

La Regina in campo per il vaccino, ‘farlo è un dovere’
© Buckingham Palace via AP

La Regina in campo per il vaccino, ‘farlo è un dovere’

© Buckingham Palace via AP

Elisabetta II, 95 anni ad aprile, dà ancora una volta l’esempio ai sudditi e scende in campo in favore dei vaccini anti Covid: lo fa con con un raro messaggio pubblico dicendo di comprendere che c’è chi possa esitare; ma incoraggia apertamente la sua gente a immunizzarsi poiché, ammonisce, è doveroso «pensare agli altri prima che a sé stessi».

Un atto che del resto la sovrana ha già compiuto a gennaio - col 99enne principe Filippo, ora in ospedale per un’infezione non legata al Covid - seguita questo mese dall’erede al trono Carlo, 72 anni, e dalla consorte Camilla: tutti in forma pubblica per sostenere la campagna di vaccinazioni di massa promossa dal governo di Boris Johnson. E a cui ora si aggiungono le dichiarazioni diffuse stasera da Buckingham Palace, registrate durante una conversazione in videocollegamento con i responsabili delle macchina vaccinale messa in moto nelle 4 nazioni del Regno Unito (Inghilterra, Scozia, Galles, Irlanda del Nord) che la regina ha voluto personalmente ringraziare.

Nel corso del colloquio, Elisabetta ha raccontato la sua esperienza, sottolineando di non aver «avvertito male per nulla» al momento dell’iniezione, semmai d’essersi sentita «protetta». Ha quindi elogiato la rapidità della campagna vaccinale di massa avviata dal governo Johnson sull’isola fin da inizio dicembre, plaudendo a coloro che vi stanno lavorando, ma anche ai milioni d’individui che ne hanno accolto la somministrazione: protagonisti, nelle sue parole, di «un’impresa rimarchevole» che contribuisce «all’incoraggiamento morale» del Paese.

Sollecitata dagli interlocutori a condividere le sue sensazioni personali, la monarca ha insistito: «Una volta che ricevi il vaccino ti senti protetta, penso sia molto importante». «Certo, è difficile per le persone che non si sono mai vaccinate, ma esse devono pensare agli altri prima che a se stesse», ha subito puntualizzato, richiamando la sicurezza collettiva dal contagio.

Riferendosi in generale al Covid, la regina non ha quindi esitato ad abbozzare un paragone con la «peste» dei secoli passati. «Sappiamo che si tratta probabilmente della pandemia più devastante mai affrontata nel mondo e nel Regno Unito da più di 100 anni, e che ora ci attende una battaglia prolungata dei vaccini contro il virus e le sue mutazioni», ha proseguito mostrandosi bene informata. «Ma io - ha precisato - ho una fede assoluta nella comunità medico-scientifica, sia qui nel Regno Unito sia a livello globale, e credo in un futuro migliore per tutti noi».

Non è mancato in ultimo un accenno non nuovo alla memoria di tempi ancor più difficili, quelli bellici, come a una fonte «d’ispirazione, in qualche modo»: «Avendo vissuto la guerra - ha ricordato l’anziana sovrana - mi pare sia decisamente come allora, quando ciascuno era mosso da una stessa idea». Ciò che conta - ha concluso, invocando più la persuasione che non l’obbligo nella battaglia odierna del vaccino - è «creare le condizioni perché ognuno si senta disposto ad accettare l’offerta della vaccinazione, quando verrà chiamato».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1