La «sposa dell’ISIS» non potrà tornare a casa

gran bretagna

La Corte Suprema di Londra ha rovesciato il verdetto emesso in luglio in appello: alla 20.enne non sarà permesso di rientrare nel Paese dopo essere fuggita nel 2015 per unirsi ai miliziani del Califfato

La «sposa dell’ISIS» non potrà tornare a casa
© AP

La «sposa dell’ISIS» non potrà tornare a casa

© AP

Il Regno Unito non deve autorizzare il rientro in patria di Shamima Begum, ventenne «sposa dell’ISIS», fuggita da Londra a 15 anni con due coetanee nel 2015 per unirsi ai miliziani del Califfato in Siria prima di essere catturata e finire in un campo profughi della zona.

Lo ha stabilito oggi la Corte Suprema di Londra rovesciando un verdetto precedente emesso in luglio in appello che aveva dato ragione al ricorso presentato dalla donna contro la revoca della cittadinanza britannica decisa d’autorità nei suoi confronti nel febbraio 2019 da Sajid Javid, allora ministro dell’Interno del governo di Theresa May.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1