«Le pandemie del presente non si limitano al coronavirus»

L’intervista

Attivista indiana con un dottorato in filosofia sulla fisica quantistica, Vandana Shiva getta uno sguardo sui problemi che attanagliano il mondo di oggi

«Le pandemie del presente non si limitano al coronavirus»
© Drona Chetri

«Le pandemie del presente non si limitano al coronavirus»

© Drona Chetri

La pandemia e le sue conseguenze stanno provocando numerosi dibattiti sui difetti dell’attuale sistema economico. Ne abbiamo parlato con Vandana Shiva, attivista indiana con un dottorato in filosofia sulla fisica quantistica, fondatrice del movimento Navdanya, che da oltre 30 anni si batte contro i monopoli sui semi.

Siamo nel mezzo della pandemia, ma lei ha detto che ne stiamo vivendo tre. A cosa si riferisce?

«Sono molte di più! C’è la pandemia della fame, che col virus ha colpito 130 milioni di persone in più, anche nei Paesi ricchi. Le diseguaglianze: negli ultimi mesi i più ricchi della terra hanno guadagnato 67 miliardi di dollari mentre in milioni perdevano il lavoro. Le deforestazioni, che contribuiscono alla diffusione di malattie come la COVID-19 e che sono frutto di un’industria agricola...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1