Le turbolenze sul MES non fermano Conte: «Sostegno alle regioni alpine»

Europa

Nella giornata conclusiva del Forum EUSALP 2019 a Milano il premier italiano ha auspicato che sia assicurato un efficace uso dei fondi comunitari – I progetti territoriali dovranno rispettare il nuovo patto ambientale promosso dalla Commissione UE

Le turbolenze sul MES non fermano Conte: «Sostegno alle regioni alpine»
Giuseppe Conte al Forum EUSALP 2019. (foto CdT/AC)

Le turbolenze sul MES non fermano Conte: «Sostegno alle regioni alpine»

Giuseppe Conte al Forum EUSALP 2019. (foto CdT/AC)

MILANO – Le forti turbolenze politiche sul MES, il meccanismo europeo di stabilità, di cui si dibatte polemicamente in Italia, ieri non hanno fatto desistere il premier Giuseppe Conte dal prendere parte alla giornata conclusiva del 3. Forum EUSALP, l’organismo delle regioni alpine che mette in atto le strategie di promozione territoriale in quest’area.

Parlando dei Fondi europei di sviluppo regionale (Fesr), al termine della due giorni che ha concluso l’anno della presidenza italiana e che ha dato il la a quella francese, Conte ha auspicato che proprio tramite il lavoro delle regioni dell’arco alpino in Francia, Germania, Italia, Svizzera (unico Stato non-membro), Austria e Slovenia «si assicuri un efficace uso dei fondi comunitari».

Il presidente del Consiglio ha detto di ritenere «appropriata...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 2
  • 3

    Le tappe della rotta balcanica, quando tutto è cominciato

    Migrazione

    Il tema torna d’attualità, ma come è iniziata: ripercorriamo i principali eventi del 2015, all’«occupazione» dell’isola greca di Kos, ai soprusi delle forze dell’ordine magiare e croate, passando per l’iconica immagine del piccolo Alan Kurdi, morto a Bodrum

  • 4

    I migranti del «mare bianco», bloccati ai confini dell’Europa

    balcani

    Una catastrofe umanitaria si sta consumando nel nord della Bosnia, dove molti profughi vagano nei boschi con temperature polari - Sarajevo annaspa, mentre la Croazia continua i respingimenti con l’uso della forza - Nello Scavo: «Stavolta forse la politica non starà alla finestra»

  • 5

    TikTok sotto la lente dopo il caso della bimba morta

    Italia

    Una piccola di 10 anni sarebbe deceduta a Palermo a causa di una sfida sul social cinese, il Garante per la protezione dei dati personali «ha disposto il blocco immediato dell’uso dei dati degli utenti per i quali non sia stata accertata con sicurezza l’età anagrafica»

  • 1
  • 1