Lombardia in zona bianca da lunedì, cade il coprifuoco

Italia

L’Italia procede a passo spedito verso un unico colore: in questa fascia si applicano solo le misure anti contagio, come il distanziamento, l’igiene e la mascherina - Abolito il limite massimo per le terrazze esterne di bar e ristoranti, mentre si passa da 4 a 6 persone all’interno dal 21 giugno

Lombardia in zona bianca da lunedì, cade il coprifuoco
© EPA/MATTEO CORNER

Lombardia in zona bianca da lunedì, cade il coprifuoco

© EPA/MATTEO CORNER

L’Italia procede a passo spedito verso un unico colore. Da lunedì 14 giugno altre 5 regioni e una provincia autonoma saranno promosse nella fascia con minori restrizioni, ovvero Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna, Lazio, Puglia e Trento, per un totale di 12 regioni classificate in zona bianca (le altre sono Abruzzo, Liguria, Umbria, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna).

Cosa si può fare in zona bianca
Non vige il coprifuoco, la cui abolizione è prevista comunque anche in zona gialla dal 21 giugno, e si applicano solo le misure sanitarie quali distanziamento, igiene e mascherine. Inoltre, sono state anticipate le riaperture delle attività economiche e sociali previste per la zona gialla, facendo ripartire fiere, congressi, parchi a tema, feste di nozze (con green pass per gli invitati), piscine al chiuso, sale giochi, stabilimenti termali e palazzetti dello sport al chiuso. Le discoteche sono aperte solo per il servizio bar e ristorante, perché ancora è vietato ballare. Allo studio l’ipotesi di consentire il ritorno in pista muniti di green pass.

Nessun limite per i tavoli all’aperto
Per quanto riguarda bar e ristoranti, in fascia bianca non è previsto un limite per gli avventori seduti ai tavoli all’aperto. Il Governo ha anche accettato di estendere il tetto massimo al chiuso, che passa da 4 a 6 persone per tavolo dal 21 giugno. In zona bianca è consentito inoltre visitare amici e parenti, senza limiti nel numero di persone che si spostano. In zona gialla il limite è invece di quattro persone oltre ai figli minorenni o persone con disabilità.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1