Maxi retata della polizia, in manette 53 attivisti

Hong kong

Massiccio intervento delle autorità con un dispiego di mille agenti per arrestare dei manifestanti del fronte democratico per aver «organizzato» la sovversione dei poteri dello Stato

Maxi retata della polizia, in manette 53 attivisti
© AP/Vincent Yu

Maxi retata della polizia, in manette 53 attivisti

© AP/Vincent Yu

Sono 53 gli attivisti del fronte democratici arrestati oggi a Hong Kong per aver «organizzato e partecipato» la sovversione dei poteri dello Stato, in base all’art. 22 della legge sulla sicurezza nazionale.

È la motivazione della maxi retata che ha mobilitato un migliaio di 1’000 agenti di polizia per le primarie del 2020 organizzate in vista delle politiche di settembre, rinviate di un anno a causa del Covid-19.

Il sovrintendente senior Steve Li, secondo i media locali, ha detto che sono stati perquisiti 72 luoghi diversi e notificati ordini di consegna di materiale utile alle indagini a 4 società.

Intanto, la Cina difende la maxi retata che oggi ha portato a Hong Kong all’arresto di 53 attivisti di primo piano del fronte pro democrazia, incluso l’avvocato per i diritti umani John Clancey, cittadino americano. E’ stata una misura necessaria, ha affermato in conferenza stampa la portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying, secondo cui l’unico danno fatto «è stato a quel tipo di libertà di alcune forze esterne e di individui in collusione tra loro nel tentativo di danneggiare la stabilità e la sicurezza della Cina».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1