Mottarone, al via gli interrogatori davanti al gip

italia

Le persone fermate nell’ambito dell’inchiesta sull’incidente della funivia che ha causato 14 vittime dovranno ora rispondere di quanto accaduto davanti alla giudice per le indagini preliminari che dovrà decidere sulla convalida e l’eventuale misura cautelare

Mottarone, al via gli interrogatori davanti al gip
©AP Photo/Luca Bruno

Mottarone, al via gli interrogatori davanti al gip

©AP Photo/Luca Bruno

Sono da poco iniziati nel carcere di Verbania gli interrogatori dei tre fermati mercoledì per l’incidente della funivia del Mottarone che ha causato domenica scorsa 14 morti, tra cui due bimbi, e un ferito grave, il piccolo Eitan di 5 anni ancora ricoverato.

Il primo ad essere ascoltato è il caposervizio dell’impianto Gabriele Tadini, che già martedì sera aveva reso le prime ammissioni spiegando di aver deciso lui di piazzare e mantenere i forchettoni sulle ganasce che hanno disattivato il sistema frenante d’emergenza, che non è scattato quando il cavo traente si è spezzato. E lo ha fatto, come quasi «abitualmente» nell’ultimo mese, per evitare blocchi della cabinovia dovuti alle anomalie dei freni. Così però quando la fune si è spezzata la cabina numero 3 non è rimasta agganciata al cavo portante ed è volata via. Tadini dovrebbe confermare questa versione e la difesa chiederà che venga messo almeno ai domiciliari.

Per la procuratrice Olimpia Bossi e il pubblico ministero Laura Carrara (presenti agli interrogatori), che hanno chiesto per tutti la convalida del fermo e di custodia in carcere, la scelta di Tadini, come da lui stesso chiarito, sarebbe stata avallata per motivi economici dal gestore Luigi Nerini e dal direttore d’esercizio Enrico Perocchi, che saranno interrogati subito dopo. I due potrebbero negare di aver saputo dell’uso dei forchettoni.

Poi, sarà la giudice per le indagini preliminari Donatella Banci Buonamici a dover decidere sulla convalida e sull’eventuale misura cautelare. Per la Procura ci sono tutte le esigenze cautelari: pericolo di fuga, di reiterazione del reato e di inquinamento probatorio.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 2
  • 3

    Due ergastoli e due condanne per l’omicidio di Desirée Mariottini

    ITALIA

    La madre della 16.enne stuprata e uccisa nel 2018 a Roma: «Non ho avuto giustizia» – Nell’ordinanza con cui il giudice per le indagini preliminari dispose il carcere si affermava che il gruppo ha agito «con pervicacia, crudeltà e disinvoltura» mostrando un’«elevatissima pericolosità»

  • 4
  • 5

    Camioncino contro la parata LGBTQ

    STATI UNITI

    Ci sarebbe almeno una vittima in Florida, a Fort Lauderdale – Il sindaco: «È stato un attacco intenzionale, l’obiettivo era la deputata democratica alla Camera dei rappresentanti americana Debbie Wasserman Schultz, favorevole alle unioni gay»

  • 1
  • 1