«Nagorno-Karabakh, una guerra tra nazionalismi e ingerenze esterne»

L’intervista

L’inattesa fiammata bellica spiegata da Eleonora Tafuro, esperta di Caucaso

 «Nagorno-Karabakh, una guerra tra nazionalismi e ingerenze esterne»

«Nagorno-Karabakh, una guerra tra nazionalismi e ingerenze esterne»

 «Nagorno-Karabakh, una guerra tra nazionalismi e ingerenze esterne»

«Nagorno-Karabakh, una guerra tra nazionalismi e ingerenze esterne»

 «Nagorno-Karabakh, una guerra tra nazionalismi e ingerenze esterne»
L’artiglieria armena in azione. ©Ministero della Difesa armeno, via AP

«Nagorno-Karabakh, una guerra tra nazionalismi e ingerenze esterne»

L’artiglieria armena in azione. ©Ministero della Difesa armeno, via AP

La Turchia si dice pronta ad aiutare l’Azerbaigian a riprendersi dall’Armenia la regione separatista del Nagorno-Karabakh. Su questo conflitto che ciclicamente si riaccende, abbiamo sentito il parere di Eleonora Tafuro, ricercatrice dell’ISPI (Istituto per gli studi di politica internazionale) di Milano esperta di Caucaso.

Ankara in questa guerra appoggia semplicemente l’Azerbaigian o fomenta il conflitto?

«Da parte di Ankara possiamo vedere un certo cambiamento di retorica. Il sostegno turco all’Azerbaigian è sempre stato forte e chiaro in funzione anti-Armenia, Paese con cui i rapporti restano difficili nonostante vi sia stato un tentativo di riapertura dei confini spinto dall’UE, ma che poi è fallito. A volte il sostegno turco a Baku è stato anche in chiave anti-russa in quanto sia la Turchia...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1

    «Draghi ritiri subito le frasi su Erdogan»

    estero

    Scontro diplomatico tra Turchia e Italia dopo le affermazioni del premier italiano, il quale ha criticato il presidente turco per il trattamento alla Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen

  • 2

    Sparatoria in Texas, almeno un morto

    Stati Uniti

    Un uomo armato ha aperto il fuoco nel parco industriale di Bryan a poche ore dall’annuncio di Joe Biden in merito alla stretta sulle armi

  • 3
  • 4

    La sfida per il controllo dell’Artico

    Scenari internazionali

    L’esito delle elezioni in Groenlandia, dove hanno vinto gli ambientalisti contrari allo sfruttamento di una gigantesca miniera di uranio e terre rare, ha acceso i riflettori sulla competizione tra Cina e Stati Uniti per il controllo delle risorse naturali e delle rotte marittime

  • 5

    Svizzero contromano e con un cadavere a bordo

    Spagna

    Il 66.enne rossocrociato era in viaggio verso la Francia e dopo aver fatto inversione di marcia ha causato un incidente vicino a Girona: durante il controllo del veicolo gli agenti hanno trovato un anziano morto sul sedile del passeggero

  • 1
  • 1