«Nell’ospedale di Barcellona mancano attrezzature fondamentali»

L’intervista

La testimonianza dell’anestesista del reparto cure intensive del San Pau Albert Bainac

 «Nell’ospedale di Barcellona mancano attrezzature fondamentali»
Il dottor Albert Bainac dell’ospedale San Pau di Barcellona.

«Nell’ospedale di Barcellona mancano attrezzature fondamentali»

Il dottor Albert Bainac dell’ospedale San Pau di Barcellona.

In Spagna la situazione si fa ogni giorno più drammatica, con il numero dei contagiati che si avvicina alle 60.000 unità. Albert Bainac lavora come anestesista presso il reparto di terapia intensiva dell’ospedale San Pau di Barcellona, una delle strutture più coinvolte a livello nazionale nella gestione dell’emergenza coronavirus. Lo abbiamo intervistato.

Dottor Bainac, attualmente qual è la situazione all’interno del reparto in cui lei lavora?

«L’emergenza ci ha costretto a riorganizzare tutta l’unità di terapia intensiva, che normalmente dispone di soli trenta posti letto per i pazienti. Allo stato attuale ci sono oltre sessanta persone che necessitano di ventilazione artificiale, abbiamo quindi dovuto convertire tutto lo spazio di norma riservato alla rianimazione post-chirurgica in un’ulteriore...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1