Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Stati Uniti

Il video in cui George Floyd, bloccato a terra da agenti di polizia, lamentava di non riuscire a respirare ha fatto il giro del mondo - Ora esplode la protesta - LE FOTO

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso
Richard Tsong-Taatarii/Star Tribune via AP

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Richard Tsong-Taatarii/Star Tribune via AP

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

Esplode la rabbia a Minneapolis, dove oltre un migliaio di manifestanti si sono riversati in strada per chiedere giustizia. Giustizia per la morte di George Floyd, l’afroamericano che nel giorno del Memorial Day è stato soffocato da un poliziotto bianco durante il tentativo di arrestarlo. Una violenza inaudita, contro un uomo che era inerme e disarmato. Una violenza che in tanti vogliono non resti ancora una volta impunita.

Non si placa la rabbia a Minneapolis per l’afroamericano ucciso

La situazione ha rischiato di finire fuori controllo. Le forze dell’ordine sono dovute ricorrere al lancio di gas lacrimogeni e ai proiettili di gomma per disperdere la folla inferocita, che minacciosa aveva assediato il commissariato di polizia dei quattro agenti coinvolti. Tutti licenziati in tronco dopo il video della tragedia girato da un passante e che, diventato virale sulle reti sociali, ha scioccato l’America.

«Non posso respirare... ti prego... non posso respirare», implora la vittima bloccata a terra e ammanettata, mentre un agente gli preme con forza un ginocchio sul collo. Eppure «Big Floyd», come lo chiamava affettuosamente chi lo conosceva, era un colosso, un gigante alto quasi due metri. Un «gigante gentile», ricorda il proprietario del ristorante dove George da cinque anni lavorava come buttafuori. Ma il Conga Latin Bistro da due mesi è chiuso a causa della pandemia, e George era alla ricerca di un nuovo lavoro.

I fratelli e la sorella sono sconvolti e chiedono che i quattro agenti licenziati siano messi immediatamente in carcere e processati per omicidio. Uno di loro, Derek Chauvin, 44 anni, da 19 anni in polizia, è quello che ha premuto sul collo della vittima mentre i colleghi stavano a guardare, senza fare e dire nulla. Sarebbe stato coinvolto altre volte in sparatorie, uso eccessivo della forza e violazione delle regolari procedure. Così in rete i manifestanti si sono dati un nuovo appuntamento proprio davanti alla sua abitazione.

Ora la città del Minnesota rischia di diventare una polveriera, mentre l’Fbi ha aperto un’indagine e l’ex vicepresidente Joe Biden, candidato alla Casa Bianca, ha chiesto l’avvio di un’indagine federale definendo «vergognoso» il comportamento degli agenti ripresi nel video. Poco importa che un primo rapporto del dipartimento di polizia affermi come Floyd, sospettato di trafficare in documenti falsi, fosse sotto l’effetto di alcol o stupefacenti e abbia all’inizio opposto resistenza.

Sulle reti sociali intanto cresce l’indignazione di tanti cittadini comuni, ma anche di personalità della politica e star dello sport e dello spettacolo. La stella del basket LeBron James ha sfogato la sua ira su Twitter ricordando le lotte del movimento #BlackLivesMatter, così come su Instagram è intervenuta la popstar Madonna: «È la cosa più raccapricciante e straziante che io abbia visto da molto tempo a questa parte. Fuck the Police! Sì lo dico, non sono interessata a essere politicamente corretta. Sono interessata alla giustizia».

Anche l’ex regina delle passerelle Naomi Campbell ha twittato: «Non ho parole. Sono stanca di tutto questo e sono stanca di persone che muoiono senza motivo. Fate qualcosa!».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 ats
  • 2 Black Lives Matter
Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 2
  • 3

    Mascherina obbligatoria nei negozi del Regno Unito?

    Coronavirus

    Il governo britannico sta pensando di introdurre la misura, già valida per i trasporti pubblici - Boris Johnson: «Dobbiamo essere più severi, necessario coprirsi il volto dove si incontrano persone estranee»

  • 4

    Oltre 600 migranti sbarcano a Lampedusa

    Italia

    Nelle ultime 24 ore una ventina di imbarcazioni hanno raggiunto l’isola, il cui «hot spot» è ormai quasi al collasso: il problema ora è trovare strutture per la quarantena

  • 5

    Trump sfida il focolaio in Florida

    Stati Uniti

    Il presidente Usa vola nella contea di Miami, dove si registrano numerosi casi di coronavirus, e non risparmia accuse al virologo Anthony Fauci: «Ha fatto molti errori» - Biden critica il viaggio: «Va lì solo per farsi una foto»

  • 1
  • 1