«Non vogliamo Biden ma vogliamo vendetta»

USA

Attivisti di Antifa e altri gruppi di estrema sinistra hanno scatenato l’inferno in almeno tre città USA mentre era in corso la cerimonia di insediamento di Joe Biden.

 «Non vogliamo Biden ma vogliamo vendetta»
©AP Photo

«Non vogliamo Biden ma vogliamo vendetta»

©AP Photo

 «Non vogliamo Biden ma vogliamo vendetta»

«Non vogliamo Biden ma vogliamo vendetta»

 «Non vogliamo Biden ma vogliamo vendetta»

«Non vogliamo Biden ma vogliamo vendetta»

 «Non vogliamo Biden ma vogliamo vendetta»

«Non vogliamo Biden ma vogliamo vendetta»

 «Non vogliamo Biden ma vogliamo vendetta»

«Non vogliamo Biden ma vogliamo vendetta»

Gli attivisti di Antifa e altri gruppi di estrema sinistra hanno scatenato l’inferno in almeno tre città americane mentre a Washington era in corso la cerimonia di insediamento di Joe Biden.

Con il motto «non vogliamo Biden ma vogliamo vendetta» hanno messo a ferro e fuoco Portland (da mesi ostaggio degli scontri), Seattle e Denver. Epicentro della rivolta è stata proprio la città dell’Oregon, dove gli attivisti hanno vandalizzato anche gli uffici del partito democratico, rotto finestre e dato fuoco a cassonetti della spazzatura.

Atti vandalici sono stati compiuti pure a Seattle, nello Stato di Washington, dove sono state sfondate le finestre del tribunale e di un locale Starbucks, bruciate bandiere americane e rovesciati bidoni della spazzatura.

La polizia ha inoltre subito diverse aggressioni. I rivoltosi di Antifa se la sono presa con l’ex presidente Donald Trump, ma anche con il neo comandante in capo. Scontri si sono svolti pure a Denver, in Colorado, dove gli antagonisti hanno bruciato una bandiera americana al grido «no Biden, no Harris».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1