Nuova assenza per malattia per Assange, rinviata l’udienza

giustizia

La seduta è stata rimandata al 27 luglio per le condizioni di salute precarie del fondatore di Wikileaks

Nuova assenza per malattia per Assange, rinviata l’udienza
© EPA/ANDY RAIN

Nuova assenza per malattia per Assange, rinviata l’udienza

© EPA/ANDY RAIN

Nuova assenza motivata secondo gli avvocati da condizioni di salute precarie per Julian Assange, oggi, in una delle udienze preliminari nel procedimento sulla controversa richiesta di estradizione Usa contro il fondatore australiano di Wikileaks, in corso di fronte alla giustizia britannica.

La seduta è stata rinviata al 27 luglio, ma la giudice Vanessa Baraister, della Westminster Magistrates’ Court, ha intimato ad Assange - che avrebbe dovuto comparire in video dal carcere di massima sicurezza di Belmarsh dove è detenuto ormai da mesi in attesa di giudizio - di presentare «certificazione medica» in caso di eventuale ulteriore forfait.

La causa entrerà comunque nel vivo non prima del 7 settembre, quando è fissata l’udienza sul merito dell’istanza d’estradizione: istanza legata dalle autorità Usa all’inedita accusa di spionaggio, in un caso di pubblicazione di documenti riservati da parte dei media, e condita negli ultimi giorni con ulteriori sospetti di presunto tentato reclutamento di hacker imputati all’attivista australiano.

Assange, 48 anni, la cui reclusione e il cui stato di salute sono oggetto di denunce di esperti dell’Onu, organizzazioni dei diritti umani e commissioni di medici, è ormai da anni nel mirino di Washington dopo la diffusione da parte di WikiLeaks, attraverso varie testate giornalistiche internazionali, di una massa di file top secret americani: contenenti fra l’altro rivelazioni ed evidenze imbarazzanti su crimini di guerra in Iraq e Afghanistan.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1