Nuova strage di fedeli in una moschea

Afghanistan

Dopo l’attentato di settimana scorsa a Kunduz, questa volta colpita una moschea di Kandahar: al momento si parla di almeno 32 morti e 53 feriti

Nuova strage di fedeli in una moschea
©Twitter

Nuova strage di fedeli in una moschea

©Twitter

(Aggiornato alle 14.09) Esplosioni hanno colpito oggi i fedeli in preghiera nella moschea sciita di Kandahar, nel sud dell’Afghanistan, provocando decine di vittime. Secondo i talebani la strage è stata perpetrata da un attentatore suicida, come fatto una settimana fa dall’Isis a Kunduz.

Secondo quanto ha reso noto un portavoce dell’ospedale dove sono state condotte le vittime, almeno 32 persone sono state uccise e altre 53 ferite.

Una quindicina di ambulanze sono arrivate sul posto, mentre le forze di sicurezza talebane sono state dispiegate intorno all’area. «Siamo rattristati nell’apprendere che è avvenuta un’esplosione in una moschea della confraternita sciita nella città di Kandahar, in cui sono stati uccisi e feriti alcuni nostri connazionali», ha twittato il portavoce talebano del ministero dell’Interno, Qari Sayed Khosti.

Queste esplosioni sono arrivate esattamente una settimana dopo un attentato suicida contro una moschea sciita a Kunduz, rivendicato dall’Isis, che ha provocato un ottantina di morti e un centinaio di feriti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1