Nuovi casi a Codogno

coronavirus

La riapertura della «zona rossa» avrebbe causato altri contagi - Il sindaco Passerini: «Abbiamo sei positivi in più»

Nuovi casi a Codogno
AP/Antonio Calanni

Nuovi casi a Codogno

AP/Antonio Calanni

La riapertura dell’ex area protetta di Codogno, dove fu scoperto oltre un mese fa il primo contagiato da coronavirus, avrebbe causato nuovi casi di positività alla covid-19. Lo scrive il Corriere della Sera secondo il quale dopo settimane di progressivo calo del trend, arrivato anche a toccare l’uno per cento, negli ultimi giorni il trend è in risalita. «Abbiamo sei positivi in più - spiega Francesco Passerini, sindaco di Codogno e presidente della Provincia di Lodi - Nelle ultime giornate eravamo fermi a 268 casi. Un segnale che i divieti introdotti con la zona rossa avevano funzionato».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1