«Dopo l’elezione di Biden Varsavia è più sola»

Polonia

Intervista al giornalista Lorenzo Berardi, cofondatore di Centrum Report con sede a Varsavia - Le proteste antiabortiste hanno fatto perdere consensi al Governo - La COVID non farà passare sottotono il Natale in questo Paese a forte vocazione cattolica

«Dopo l’elezione di Biden Varsavia è più sola»
Polacchi di nuovo in piazza per protestare contro il Governo. ©AP/Sokolowski

«Dopo l’elezione di Biden Varsavia è più sola»

Polacchi di nuovo in piazza per protestare contro il Governo. ©AP/Sokolowski

La Polonia è di nuovo sotto i riflettori internazionali: a far discutere, in primis, sono il veto posto al bilancio dell’UE a fianco dell’Ungheria, ma anche le proteste contro la paventata restrizione della legge sull’aborto e la gestione del coronavirus. Lorenzo Berardi, giornalista residente a Varsavia e cofondatore di Centrum Report, fa il punto della situazione.

Quanto influiscono le proteste antiabortiste sulla stabilità del Governo e dopo l’acceso dibattito sull’ipotesi di nuova legge?

«Va precisato che non è stata varata alcuna nuova legge sull'aborto. L'attuale governo provò a introdurre un nuovo testo in materia nel 2016, su pressioni di movimenti pro-life, ma fece marcia indietro, anche per effetto di vaste manifestazioni di protesta. La legge sull'interruzione di gravidanza oggi in...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Occhi sull'Est
  • 1

    Alexander Lukashenko promette «aperture»

    Bielorussia

    Il presidente, definito l’ultimo dittatore d’Europa, ha riferito all’Assemblea del popolo di Minsk di voler introdurre riforme politiche - Gli oppositori sono convinti che si tratti di una manovra per restare al potere ancora a lungo

  • 2

    «Il caso Navalny solleva dubbi sui reali obiettivi del Cremlino»

    L’intervista

    L’avvelenamento dell’oppositore russo e l’inchiesta sulle presunte responsabilità dei servizi segreti di Mosca hanno inasprito il dibattito politico nazionale e irrigidito i già tesi rapporti con l’Occidente - Parola al giornalista del TG5 Luigi De Biase

  • 3

    Tikhanovskaya sfida Lukashenko e gli lancia l’ultimatum

    Bielorussia

    «Entro il 25 ottobre liberi tutti i prigionieri o sarà sciopero generale con blocchi stradali in tutta la nazione»: la crisi bielorussa entra in una nuova fase ed è a rischio escalation – Il presidente incontra i membri dell’opposizione in carcere per studiare la riforma della Costituzione

  • 4

    Tikhanovskaya ora è ricercata

    bielorussia

    Mentre proseguono le proteste anti-Lukashenko la leader dell’opposizione in esilio è accusata di appelli contro la sicurezza nazionale ed è stata inserita anche nella lista nera di Mosca

  • 5
  • 1
  • 1