CHISINAU

Lo scontro istituzionale in Moldavia risveglia l’UE

La Corte costituzionale ritiene illegittimo il Governo Sandu con il presidente Dodon, al cui posto ha nominato l’ex premier Filip

Lo scontro istituzionale in Moldavia risveglia l’UE
Manifestanti fedeli all’oligarca Vlad Plahotniuc e al premier del Partito democratico moldavo in piazza nella capitale Chisinau. (foto Keystone)

Lo scontro istituzionale in Moldavia risveglia l’UE

Manifestanti fedeli all’oligarca Vlad Plahotniuc e al premier del Partito democratico moldavo in piazza nella capitale Chisinau. (foto Keystone)

CHISINAU – Nuovo colpo di scena nella piccola Moldavia, uno degli Stati più poveri d’Europa, dove le divisioni sono endemiche al tessuto sociopolitico del Paese dal 1991, anno della sua indipendenza seguita allo sfaldamento dell’Unione sovietica. Diviso al suo interno dal piccolo lembo di terra della Transnistria a Est (entità separatista russofona non riconosciuta dall’Occidente)...

©CdT.ch - Riproduzione riservata

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Occhi sull'Est
  • 1