Tikhanovskaya ora è ricercata

bielorussia

Mentre proseguono le proteste anti-Lukashenko la leader dell’opposizione in esilio è accusata di appelli contro la sicurezza nazionale ed è stata inserita anche nella lista nera di Mosca

Tikhanovskaya ora è ricercata

Tikhanovskaya ora è ricercata

A due mesi dall’elezione che ha permesso ad Alexander Lukashenko di essere confermato per un sesto mandato alla presidenza della Bielorussia, sul fronte interno proseguono le proteste e le detenzioni dei manifestanti (nelle piazze e nelle fabbriche) contro l’«ultimo dittatore d’Europa» che avrebbe truccato l’esito del voto tra l’indignazione dei cittadini del suo Paese e della comunità internazionale.

Dopo la cancelliera Angela Merkel anche il vicecancelliere Olaf Scholz, negli scorsi giorni a Berlino, ha incontrato l’esiliata leader dell’opposizione Svetlana Tikhanovskaya definendola «una coraggiosa combattente per la democrazia e i diritti civili in Bielorussia». Tikhanovskaya, a cui la «Frankfurter Allgemeine Zeitung», durante il suo tour tedesco, ha dedicato una lunga intervista, ha ripetuto di non volersi «candidare per l’ufficio presidenziale» nel caso di nuove elezioni, ma di considerare il suo come «un ruolo politico di passaggio». Ieri il viaggio europeo della dissidente è proseguito in Slovacchia, dove ha incontrato il ministro degli Affari esteri Ivan Korkok oltre a rappresentanti della diaspora bielorussa.

Durante la sua visita europea Tikhanovskaya ha ottenuto la solidarietà di diversi Paesi. Anche Slovacchia, Cechia e Bulgaria si sono unite a quelli che hanno ritirato i loro ambasciatori da Minsk in segno di solidarietà.

Intanto fa discutere che Tikhanovskaya è stata inserita nella lista dei ricercati in Russia. La notizia è stata confermata dalla TASS. In un primo tempo l’oppositrice era stata dichiarata ricercata solo in Bielorussia, ma la ricerca sarà effettuata anche in Russia in quanto si tratterebbe di un’operazione «interstatale». La leader dell’opposizione bielorussa è stata accusata di «appelli ad atti diretti contro la sicurezza nazionale».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Occhi sull'Est
  • 1

    Alexander Lukashenko promette «aperture»

    Bielorussia

    Il presidente, definito l’ultimo dittatore d’Europa, ha riferito all’Assemblea del popolo di Minsk di voler introdurre riforme politiche - Gli oppositori sono convinti che si tratti di una manovra per restare al potere ancora a lungo

  • 2

    «Il caso Navalny solleva dubbi sui reali obiettivi del Cremlino»

    L’intervista

    L’avvelenamento dell’oppositore russo e l’inchiesta sulle presunte responsabilità dei servizi segreti di Mosca hanno inasprito il dibattito politico nazionale e irrigidito i già tesi rapporti con l’Occidente - Parola al giornalista del TG5 Luigi De Biase

  • 3

    «Dopo l’elezione di Biden Varsavia è più sola»

    Polonia

    Intervista al giornalista Lorenzo Berardi, cofondatore di Centrum Report con sede a Varsavia - Le proteste antiabortiste hanno fatto perdere consensi al Governo - La COVID non farà passare sottotono il Natale in questo Paese a forte vocazione cattolica

  • 4

    Tikhanovskaya sfida Lukashenko e gli lancia l’ultimatum

    Bielorussia

    «Entro il 25 ottobre liberi tutti i prigionieri o sarà sciopero generale con blocchi stradali in tutta la nazione»: la crisi bielorussa entra in una nuova fase ed è a rischio escalation – Il presidente incontra i membri dell’opposizione in carcere per studiare la riforma della Costituzione

  • 5
  • 1
  • 1