Parte in Australia la produzione del vaccino di AstraZeneca

coronavirus

I risultati delle sperimentazioni cliniche di fase tre sono attese per la fine dell’anno - Se saranno favorevoli, le prime dosi potrebbero essere disponibili nella prima metà dal prossimo anno

Parte in Australia la produzione del vaccino di AstraZeneca
©KEYSTONE/Alexandra Wey

Parte in Australia la produzione del vaccino di AstraZeneca

©KEYSTONE/Alexandra Wey

L’azienda australiana Commonwealth Serum Laboratories (CSL) ha avviato la produzione a Melbourne di milioni di dosi del vaccino di Oxford-AstraZeneca, uno dei più promettenti contro il coronavirus, nella speranza che si dimostri sicuro ed efficace e possa essere distribuito rapidamente.

CSL ha contratti separati con AstraZeneca-Università di Oxford e con il governo australiano, per produrre circa 30 milioni di dosi di questo vaccino che deve essere ancora approvato dalla Therapeutic Goods Administration per il suo uso in Australia.

«Avviamo la produzione in anticipo, e se le sperimentazioni cliniche saranno positive, con i risultati su cui noi contiamo, il vaccino sarà disponibile per essere distribuito alla popolazione», ha detto il direttore scientifico delle CSL, Andrew Nash, al Sydney Morning Herald.

I risultati delle sperimentazioni cliniche di fase tre sono attese per la fine dell’anno. Se saranno favorevoli e il vaccino soddisfa tutti i requisiti, le prime dosi potrebbero essere disponibili nella prima metà dal prossimo anno.

Le prime fiale da un millilitro del vaccino sono state scongelate oggi, dopo essere conservate in azoto liquido per preservarne l’integrità.

Vi sono più di 150 vaccini candidati in diversi paesi del mondo, per la maggior parte in fasi precliniche, cioè ancora in fase di test su animali o in laboratorio. Circa 40 hanno raggiunto la fase di sperimentazioni sull’uomo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1