Pegasus, il software che spia giornalisti, attivisti e politici

Sicurezza

L’esperto di cyber security Pierluigi Paganini ci spiega come i Governi autoritari usano tale strumento

Pegasus, il software che spia giornalisti, attivisti e politici

Pegasus, il software che spia giornalisti, attivisti e politici

Da un’indagine condotta da 17 testate internazionali, fra le quali il Washington Post e il Guardian, emerge che tramite il software Pegasus, prodotto dall’azienda israeliana NSO Group, giornalisti, avvocati, attivisti e politici di molti Paesi sono stati spiati. I giornalisti che hanno partecipato all’inchiesta hanno avuto accesso a oltre 50.000 numeri di telefono potenzialmente presi di mira da Pegasus. Com’è stato possibile verificare operazioni di spionaggio condotte su vasta scala da Governi autoritari? Secondo l’esperto di cyber security ed intelligence Pierluigi Paganini, «un ruolo importante in questa inchiesta l’ha svolto Amnesty International; tutto è partito dalla disponibilità di 50.000 numeri telefonici. I giornalisti che hanno partecipato all’inchiesta hanno cercato tracce della...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1