«Per un’uscita concordata dall’UE, il Regno Unito ha ancora margini»

Brexit

La Gran Bretagna ha meno di un mese di tempo per trovare un accordo con l’UE: ne parliamo col politologo dell’Università del Kent Richard Whitman

 «Per un’uscita concordata dall’UE, il Regno Unito ha ancora margini»
©EPA/JESSICA TAYLOR

«Per un’uscita concordata dall’UE, il Regno Unito ha ancora margini»

©EPA/JESSICA TAYLOR

La Gran Bretagna ha meno di un mese di tempo per trovare, con un colpo di reni, un accordo con l’UE sulla Brexit. Il politologo Richard Whitman fa il punto sugli ostacoli ancora da superare.

Il 31 dicembre scade il periodo di transizione per il divorzio della Gran Bretagna dall’UE. Quali sono oggi le chance che sia raggiunto un accordo?

«È ancora perfettamente possibile che un accordo con l’Unione europea possa non avere luogo, nel qual caso si avvererebbe uno scenario con effetti drammatici per il futuro della Gran Bretagna. Se ciò fosse il caso sarebbe uno shock per tutti».

Percentualmente come reputa la possibilità di un’uscita consensuale?

«Difficile prevederlo, ma sono ancora convinto che un accordo possa essere trovato con l’80 per cento delle probabilità. La politica scomposta del Partito...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1