Renzo Guolo, prorettore dell’Università di Padova, è professore ordinario di Sociologia dell’Islam e tra i maggiori studiosi dei fondamentalismi religiosi e dei rapporti tra religione, politica e società. «Quella dell’Occidente in Afghanistan - ha scritto di recente - è stata una duplice catastrofe: politica e culturale. Dopo l’11 Settembre, la politica occidentale si è retta su un surplus valoriale, costituito dalla convinzione dell’implicita superiorità dei suoi valori su quelli altrui». Un errore imperdonabile.

Alla base di questo errore, spiega Guolo al CdT, «c’è un’incomprensione totale dei fattori sociali, antropologici e culturali della realtà afghana; fattori dai quali non si sarebbe dovuti prescindere. Per questo parlo di sconfitta culturale, subìta nonostante le esperienze vissute...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Mondo
  • 1