«Più civili uccisi da quando sono iniziati i negoziati di pace»

afghanistan

Lo rivela un rapporto ONU, secondo il quale il numero complessivo di vittime nel 2020 avrebbe comunque registrato un calo

«Più civili uccisi da quando sono iniziati i negoziati di pace»
© EPA/Jalil Rezayee

«Più civili uccisi da quando sono iniziati i negoziati di pace»

© EPA/Jalil Rezayee

Sono aumentati i civili uccisi e feriti in Afghanistan dopo l’inizio dei negoziati di pace a settembre, ma i numeri complessivi per il 2020 sono diminuiti. È quanto rileva un rapporto diffuso oggi dalla Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan (Unama) e dall’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite.

Il Rapporto annuale 2020 documenta il livello spaventoso di danni inflitti ai civili e traccia il picco inquietante della violenza contro di loro nell’ultimo trimestre dell’anno.

«Il 2020 avrebbe potuto essere l’anno della pace in Afghanistan. Invece, migliaia di civili afghani sono morti a causa del conflitto», ha detto Deborah Lyons, rappresentante speciale del Segretario generale per l’Afghanistan. «Il modo migliore per proteggere i civili è stabilire un cessate il fuoco umanitario», ha detto Lyons, che è anche a capo dell’Unama. «Le parti che rifiutano di prendere in considerazione un cessate il fuoco devono riconoscere le conseguenze devastanti di un simile atteggiamento sulla vita dei civili afghani».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1