logo

Elena Udrea condannata a sei anni di carcere

OCCHI SULL'EST/ROMANIA La "sexy ministra" dovrà risarcire l'equivalente di 2,9 milioni di franchi per un caso di corruzione nell'ambito dell'evento "Gala Bute" - La palla passa nel campo della Cassazione

CdT/AC
Elena Udrea durante l'intervista rilasciata al Corriere del Ticino nel 2015.
 
29
marzo
2017
05:55
Andrea Colandrea

BUCAREST - L'appariscente ex parlamentare indipendente ed ex ministro del turismo regionale Elena Udrea, ieri è stata condannata dalla Corte Suprema di Bucarest a sei anni di reclusione da scontare e all'equivalente di complessivi 2,9 milioni di franchi di risarcimento (8,1 milioni di RON e altri 900 mila euro) nell'ambito del processo riguardante il caso di corruzione "Gala Bute", una riunione internazionale di pugilato in cui più di un organizzatore, all'apparenza, riuscì ad arricchirsi in modo illegale a scapito degli enti pubblici coinvolti e in particolare dell'Autorità nazionale del turismo (ANT), che si è costituita parte lesa.

Il pentolone fu scoperto dal Dipartimento nazionale anticorruzione (DNA) e dalla Procura, tanto che Udrea, platealmente ammanettata, finì prima in carcere e poi a domiciliari, per poi poter tornare a casa in attesa di sentenza. In virtù del suo ruolo istituzionale di ministro, secondo l'accusa, Elena Udrea avrebbe ottenuto lauti compensi pecuniari: una tesi neanche a dirlo, da lei sempre contestata con fermezza. Il caso fece molto clamore, anche perché Udrea, tuttora una delle donne più chiacchierate del Paese (le sue vicissitudini personali hanno di fatto bloccato la sua carriera politica alle recenti elezioni e la bionda ex deputata non è stata rieletta), contro i suoi accusatori ingaggiò una battaglia mediatica a tutto campo che ha diviso l'opinione pubblica.

In un'intervista esclusiva rilasciata al "Corriere del Ticino" (VD SUGGERITI) la bionda "sexy ministra" aveva dichiarato che in Romania sarebbe in atto un attacco senza precedenti al mondo politico in base alla logica del giustizialismo. Un dibattito di sempre stretta attualità e che continua ad animare l'opinione pubblica rumena. Ad alcune settimane dalla fine delle proteste di piazza contro il Governo Grindeanu seguite alla proposta di introdurre il famigerato decreto "salva corrotti" (ritirato, non a caso, proprio per le forti pressioni esercitate dai manifestanti, che avevano trovato anche il sostegno del presidente Klaus Iohannis), la stampa rumena è dunque tornata a focalizzare il caso Udrea.

Quest'ultima, ora, dal profilo legale, dovrà attendere il secondo grado di giudizio: la palla passa infatti nel campo della Corte di Cassazione. Per far valere i propri diritti contro la sentenza di condanna è poi verosimile un ricorso. Ciò che non stupisce affatto, nel frattempo, è che l'ex ministra, subito dopo aver appreso della condanna, ha promesso rivelazioni a 360 gradi, incluso alcune non meglio precisate questioni riguardanti il suo difensore pubblico numero uno: l'ex presidente Traian Basescu. C'è da scommettere che non saranno esclusi altri colpi di scena.

 

Articoli suggeriti

Romania scossa da tangentopoli

La sexy ex ministra Udrea torna in carcere dai domiciliari - Dietro le sbarre anche altre donne del mondo della giustizia ed economico-politico

Elena Udrea trasferita in un altro carcere

TANGENTOPOLI RUMENA - La sexy ex ministra resta in detenzione preventiva con l'accusa di corruzione

La saga di Elena Udrea continua

TANGENTOPOLI RUMENA - La sexy ex ministra del turismo, regina del gossip, ha lasciato il carcere di Targsor ed è tornata ai domiciliari

"In Romania la giustizia è a orologeria"

ESCLUSIVA DEL CdT - Elena Udrea, l'appariscente deputata finita sotto inchiesta nella tangentopoli rumena, fa il punto sulla lotta alla corruzione nel suo Paese

Edizione del 18 settembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top