Il caso

I migranti criminali saranno confinati su un’isola

La Danimarca intende trasferire a circa un miglio e mezzo dalla costa i richiedenti asilo che non possono essere espulsi per motivi legali - Forti critiche dall’opposizione di Governo

I migranti criminali saranno confinati su un’isola
(foto Web)

I migranti criminali saranno confinati su un’isola

(foto Web)

COPENAGHEN - La Danimarca intende confinare i richiedenti asilo che sono stati respinti e che hanno commesso crimini a vivere su un’isola remota al largo della costa: lo ha annunciato il governo del Paese, secondo quanto riferiscono diversi media internazionali, tra cui l’Independent.

Situata a circa un miglio e mezzo dalla costa, l’isola di Lindholm ospiterà anche coloro che non possono rimanere in Danimarca ma che non possono essere espulsi per motivi legali e si trovano dunque in una sorta di limbo giuridico.

La misura, fortemente criticata dall’opposizione, fa parte dell’accordo di coalizione del governo che include il Partito Popolare Danese (Dansk Folkeparti), dalle posizioni fortemente anti-immigrazione.

La formazione politica ha festeggiato l’annuncio pubblicando un cartone animato sui social media in cui si vede un uomo dalla pelle scura, vestito con abiti da musulmano, che viene scaricato su un’isola deserta. «Gli stranieri criminali - si legge nel testo che accompagna il video - non hanno motivo di stare in Danimarca. Finché non riusciremo a liberarcene, li trasferiremo sull’isola di Lindholm».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica