THAILANDIA

Il re vieta la candidatura della sorella

Si sgretolano le ambizioni politiche della principessa Ubolratana - Il partito che l’aveva voluta ha deciso di rispettare la volontà del sovrano, contrario all’idea

Il re vieta la candidatura della sorella
(Foto Keystone)

Il re vieta la candidatura della sorella

(Foto Keystone)

BANGKOK - Si sgretolano le ambizioni politiche della principessa thailandese Ubolratana.

Il partito che l’aveva candidata a premier del Paese ha deciso di rispettare la volontà del Re, fratello della principessa, che si è detto contrario alla sua candidatura, e ha ritirato la candidatura .

Ubolratana si era candidata con un partito fedele all’ex primo ministro Thaksin Shinawatra, ma la decisione è stata definita dal re Vajiralongkorn “incostituzionale” e “altamente inappropriata”. Nel comunicato, il partito afferma “di rispettare la volontà del Re e di mostrare lealtà a lui e a tutta la famiglia reale”.

“Il coinvolgimento di un membro di alto rango della famiglia reale in politica è considerato un atto che sfida le tradizioni, i costumi e la cultura della nazione, e pertanto è considerato estremamente inappropriato”, affermava ancora il sovrano. Ubolratana, 67 anni, era stata candidata dal partito nell’ultimo giorno utile di presentazione delle liste. Le elezioni in Thailandia si terranno il 24 marzo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1