In migliaia in piazza a Parigi

francia

Le proteste si orientano in particolare contro le vaccinazioni e il pass sanitario

In migliaia in piazza a Parigi
©EPA/Yoan Valat

In migliaia in piazza a Parigi

©EPA/Yoan Valat

In migliaia in piazza a Parigi
©EPA/Yoan Valat

In migliaia in piazza a Parigi

©EPA/Yoan Valat

Diverse migliaia di persone sono scese in strada oggi pomeriggio in almeno tre manifestazioni a Parigi contro la vaccinazione, la «dittatura» o il pass sanitario. Un primo corteo, composto da poche migliaia di persone, è partito dal Palais-Royal prima di attraversare la Senna gridando «Libertà», «No alla dittatura sanitaria» o «Macron dimissioni».

In testa al corteo, dove sventolavano le bandiere francesi, c’erano l’ex numero 2 del Front National Florian Philippot, l’ex deputata covid-scettica Martine Wonner, il cantante Francis Lalanne e l’ex volto dei gilet gialli Jacline Mouraud. «Questo è l’inizio di qualcosa di estremamente forte nella resistenza», ha detto Philippot, candidato alle elezioni presidenziali del 2022.

Prima della manifestazione, Nicolas Dupont-Aignan, presidente del partito sovranista Debout la France, ha tenuto una conferenza stampa davanti al Consiglio costituzionale, dove ha denunciato un «abuso di potere senza precedenti» e un «colpo di stato sanitario» dopo gli annunci del presidente Emmanuel Macron. Con il pass sanitario nella vita di tutti i giorni, è «l’inizio di una spirale verso una dittatura», ha aggiunto.

Allo stesso tempo, circa 1.500 persone hanno manifestato per le strade nel sud della capitale, in un corteo accompagnato da striscioni come «wanted Repubblica Democratica Francese, scomparsa il 12 luglio 2021», «no al pass sanitario, stop alla dittatura», e gli slogan «Libertà», «Macron dittatore». Infine, alcune decine di persone hanno preso parte a un altro raduno non autorizzato a Place de la République.

Manifestazioni si stanno svolgendo in molte altre città della Francia. Circa 400 persone hanno marciato in mattinata a Quimper, 1.200 a Perpignan, 1.700 a Clermont-Ferrand, 2.300 a Valence (dipartimento di Drôme). A Digione, la polizia ha usato gas lacrimogeni e la circolazione dei tram è stata brevemente interrotta dai manifestanti che cantavano «Libertà! Libertà!». Sono stati annunciati cortei nel pomeriggio anche in altre città, come Montpellier o Lione.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1

    Lotta all’ultimo voto fra Scholz e Laschet

    germania

    A cinque giorni dalle elezioni in Germania, i conservatori di Armin Laschet recuperano e riducono il distacco dai socialdemocratici di Olaf Scholz. I tre punti di distanza potrebbero anche portare a un risultato diverso da quello atteso nelle ultime settimane, dal momento che un 30% degli elettori risulta ancora indeciso.

  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

    «Gli Stati Uniti non cercano una guerra fredda con la Cina»

    assemblea onu

    Ad assicurarlo è il presidente statunitense Joe Biden, il quale ha affermato di voler aprire «una nuova era di incessante diplomazia e di pace nel mondo dopo il ritiro dall’Afghanistan» - Il presidente iraniano accusa: «L’egemonia statunitense ha fallito miseramente»

  • 1
  • 1