Brexit

Juncker e Tusk inviano una lettera a May

Dall’UE maggiori rassicurazioni sul «backstop» per le frontiere irlandesi

Juncker e Tusk inviano una lettera a May
La premier britannica Theresa May. (Foto keystone)

Juncker e Tusk inviano una lettera a May

La premier britannica Theresa May. (Foto keystone)

BRUXELLES- In una lettera alla premier britannica Theresa May i presidenti di Commissione e Consiglio europei Jean-Claude Juncker e Donald Tusk offrono maggiori rassicurazioni sul «backstop» (il meccanismo di garanzia sul confine aperto fra Irlanda e Irlanda del Nord) per le frontiere irlandesi chiarendo che le conclusioni del Consiglio europeo hanno valore legale. Nella lettera di quattro pagine inviata in vista del voto di domani, martedì, al parlamento inglese specificano alcuni elementi contenuti nell’accordo tra Ue e GB per la Brexit, senza tuttavia modificarlo.

Il contestato meccanismo del backstop entrerà in vigore «solo se strettamente necessario» e comunque sarà «temporaneo», si legge nella lettera. Il testo evoca un valore legale negli impegni di Bruxelles, ma non un diritto di Londra a recedere autonomamente dal backstop.

Nella lettera, diffusa da Downing Street e già consegnata ai deputati in attesa dell’intervento della premier alla Camera dei Comuni fissato per le 15.30 di oggi pomeriggio (le 16.30 in Svizzera), Tusk sottolinea peraltro come Bruxelles non possa concordare su nulla che «modifichi o sia difforme dall’Accordo di Recesso» del Regno Unito dall’Ue raggiunto dalle parti a novembre.

Un’apertura viene invece ribadita nel testo sulla disponibilità dei 27 a estendere il periodo di transizione post Brexit fissato al momento fino al 31 dicembre del 2020. Ma su questo il governo di Londra non ha ancora avanzato alcuna richiesta.

«Gli ulteriori chiarimenti ed impegni» sul backstop per l’Irlanda del Nord contenuti nella missiva inviata oggi a nome dell’Ue dai presidenti del Consiglio e della Commissione europei Donald Tusk e Jean-Claude Juncker sono conformi alla lettera e allo spirito dell’accordo raggiunto sulla Brexit, ma rappresentano una rassicurazione aggiuntiva contro le paure sollevate da alcuni sono fuori posto». Lo scrive la premier britannica Theresa May in un messaggio di risposta. Un concetto ribadito poi a voce a margine di un discorso in una fabbrica di Stoke-on-Trent.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Politica
  • 1