BREXIT

La regina dà il via libera alla legge anti no-deal

Il testo, che mira a imporre al primo ministro la richiesta di un rinvio dell’uscita del Regno Unito dall’Ue oltre il 31 ottobre in caso di mancato accordo con Bruxelles, è da ora in vigore

La regina dà il via libera alla legge anti no-deal
Foto Shutterstock

La regina dà il via libera alla legge anti no-deal

Foto Shutterstock

La legge anti-no deal, promossa dal fronte contrario alla linea di Boris Johnson sulla Brexit, ha completato oggi il suo iter con la formalità della firma della Regina, il cosiddetto Royal Assent, dopo l’approvazione parlamentare dei giorni scorsi. Lo ha reso noto la Camera dei Lord. Il testo, che mira a imporre al primo ministro la richiesta di un rinvio dell’uscita del Regno Unito dall’Ue oltre il 31 ottobre in caso di mancato accordo con Bruxelles, è da ora in vigore.

Lo speaker dei Comuni annuncia le dimissioni
Intanto lo speaker della Camera dei Comuni, John Bercow, ha annunciato l’intenzione di rinunciare all’incarico in caso di elezioni anticipate e comunque di dimettersi al più tardi dopo la scadenza della Brexit il 31 ottobre. In uno statement all’aula, Bercow - che viene dai ranghi del Partito Conservatore, ma ha assunto un ruolo da battitore libero nella gestione del dibattito sulla Brexit - ha denunciato la linea seguita dal governo di Boris Johnson sulla sospensione del Parlamento, definendola «distruttiva».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Politica
  • 1
    La scissione

    Renzi verso l’addio al Pd

    L’ex premier italiano garantisce comunque «pieno sostegno al governo» Conte - Dario Franceschini: «Le divisioni fecero trionfare Mussolini»

  • 2
    Europa

    Ennesima fumata nera sulla Brexit

    Al di là dei convenevoli di rito, il primo faccia a faccia tra Boris Johnson e Jean Claude Juncker, a Lussemburgo, si è concluso senza proposte concrete

  • 3
  • 4
  • 5
    Tunisia

    La sfida tra il giurista e il magnate in cella

    In attesa dei risultati ufficiali, i primi exit poll delle presidenziali registrano l’affermazione al 19,5% de Kais Said, seguito al 15,5% da Nabil Karoui, in carcere con le accuse di riciclaggio e evasione fiscale

  • 1