Salvini: «Se qualcuno è nostalgico dei migranti e del PD lo dica»

ITALIA

Il ministro dell’interno leghista difende la linea di chiusura dei porti e attacca una possibile alleanza di Governo tra M5S e Partito democratico

Salvini: «Se qualcuno è nostalgico dei migranti e del PD lo dica»
Foto Keystone

Salvini: «Se qualcuno è nostalgico dei migranti e del PD lo dica»

Foto Keystone

CASTEL VOLTURNO (CASERTA) - «Mi pagano non per essere l’anima bella ma per difendere la sicurezza. Se qualcuno è nostalgico dei 200 mila sbarchi lo dica, se qualcuno è nostalgico del Pd lo dica. Certo dispiace che certe cose invece che dirle in faccia il gentile presidente del Consiglio le renda pubbliche mente sto lavorando a Castel Volturno». Lo ha detto il ministro e vicepremier italiano Matteo Salvini al termine del Comitato per l’ordine pubblico a Castel Volturno.

«Se per qualcuno la linea Salvini seguita da tutti per un anno ora è fascista, nazista e totalitaria questo qualcuno dica che ci stiamo preparando ad un governo Renzi-Boldrini. A meno che qualcuno, non io, ritenga i cambi di rotta di queste ore come un cambio di maggioranza spostato a sinistra», ha aggiunto Salvini.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1

    Corbyn e Johnson insieme in tv

    Dibattito

    Il leader laburista ha ribadito l’impegno, se andrà al Governo, per un nuovo voto referendario - Da parte sua Johnson è tornato ad accusare il Parlamento britannico di aver bloccato la Brexit

  • 2

    Diversi arresti dopo lo scandalo Ibiza-gate

    Austria

    Il caso decretò la parola fine al Governo tra popolari e ultradestra, guidato da Sebastian Kurz, come anche la fine della carriera politica dell’allora leader della Fpö Heinz Christian Strache

  • 3
  • 4

    La democrazia europea indietreggia

    Studio

    Secondo un rapporto svedese, oltre la metà dei Paesi europei (il 56%), è soggetta ad erosione democratica, e delle dieci democrazie che stanno vedendo «seri scivolamenti», sei sono in Europa: Ungheria, Polonia, Romania, Serbia, Turchia e l’Ucraina

  • 5
  • 1
  • 1