IL CASO

Schiaffo a Trump, il Senato boccia la dichiarazione di emergenza

Il presidente americano l’aveva chiesta per il finanziamento del muro al confine con il Messico - Annunciato il veto

Schiaffo a Trump, il Senato boccia la dichiarazione di emergenza
(Foto Keystone)

Schiaffo a Trump, il Senato boccia la dichiarazione di emergenza

(Foto Keystone)

WASHINGTON - Il Senato americano a maggioranza repubblicana boccia la dichiarazione di emergenza nazionale del presidente Donald Trump per il muro al confine con il Messico. La bocciatura, avvenuta con 59 voti a favore e 41 contrari, apre la strada al veto di Donald Trump. Molti repubblicani si sono infatti schierati con i democratici per bocciare l’iniziativa del presidente.

La misura è già stata approvata dalla camera e quindi ora si appresta ad approdare sul tavolo di Trump, che dovrebbe opporle il suo primo veto. Poco prima del voto Trump aveva difeso la sua dichiarazione di emergenza: «Un voto dei senatori repubblicani a favore della risoluzione è un voto a favore di Nancy pelosi, del crimine e dei confini aperti», aveva twittato.

Ma molti fra le file repubblicane non hanno ceduto alle pressioni del presidente e hanno votato contro la dichiarazione, con la quale - è la loro tesi - Trump ha superato l’autorità che gli è concessa dalla Costituzione.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1