Seehofer dà tempo a Merkel fino a mercoledì

Il ministro dell'Interno bavarese della CSU, in disaccordo con la cancelliera sul tema dei migranti, si riserva una decisione sul suo futuro ruolo politico - Riunione tra i due già iniziata

Seehofer dà tempo a Merkel fino a mercoledì

Seehofer dà tempo a Merkel fino a mercoledì

BERLINO - Prosegue il braccio di ferro tra il ministro dell'Interno della CSU Horst Seehofer e la cancelliera Angela Merkel. Il primo, la scorsa notte, al termine del direttivo del suo partito, aveva dichiarato che le sue dimissioni sarebbero state congelate per tre giorni. Ora lo stesso Seehofer ha dato una nuova scadenza ad Angela Merkel: fino a mercoledì prossimo (il 4 luglio, fra l'altro, è anche il compleanno del politico bavarese). Nella CSU sono in molti a far trapelare la volontà di costruire "un ponte" con i cristiano-democratici per una necessaria riconciliazione. Il presidente della Baviera Markus Soeder ha affermato di non mettere in discussione né il governo né il gruppo parlamentare dell'Unione.

Intanto, in casa della CDU, la cancelliera Angela Merkel ha ribadito la sua disponibilità a trovare una soluzione per conciliare diritto europeo e diritto nazionale in funzione di raggiungere un compromesso con l'Unione cristiano-sociale. Lo ha reso noto la stessa cancelliera a margine della riunione del gruppo parlamentare del partito a Berlino. Merkel ha ripetuto quanto l'importanza dell'alleanza tra i due partiti, CSU e CDU, richieda ogni possibile sforzo per la riconciliazione.

L'incontro tra le parti è appena iniziato al cospetto del presidente del Bundestag Wolfgang Schaeuble. Quest'ultimo, auctoritas del partito conservatore ed ex ministro delle finanze, aveva già espresso la sua preoccupazione questa mattina in merito alla crisi di governo e, secondo quanto si apprende, starebbe cercando una mediazione tra le due posizioni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 2
  • 3
    medio oriente

    «Il conflitto? Fa comodo a Netanyahu e Hamas»

    Secondo molti, il premier israeliano starebbe sfruttando la situazione «per impedire il cambiamento, evitando i processi a suo carico» - Non molto differenti le accuse rivolte all’organizzazione palestinese rapida a presentarsi come primo difensore della causa nazionale

  • 4
    gran bretagna

    Johnson e la rivoluzione per il dopo COVID

    Il premier britannico guarda al futuro come a un territorio ormai da conquistare per il governo Tory e ne affida il destino a un programma di leggi e riforme ai limiti del rivoluzionario, nelle intenzioni, su una prospettiva di durata al potere al momento solida e pluriennale

  • 5
    Lo scenario

    I migranti che dividono l’Europa

    I Paesi affacciati sul Mediterraneo insistono per una politica comune di accoglienza e di solidarietà ma la Germania, anche in vista delle prossime elezioni federali in programma a settembre, chiede maggior rigore

  • 1