Seggi aperti, Bolsonaro favorito

Le proiezioni diffuse prima del secondo turno delle elezioni presidenziali brasiliane danno in testa il candidato di estrema destra

Seggi aperti, Bolsonaro favorito

Seggi aperti, Bolsonaro favorito

SAN PAOLO - Poco più di 147 milioni di cittadini brasiliani sono chiamati oggi alle urne per partecipare al ballottaggio delle elezioni presidenziali e scegliere i governatori di 13 stati e del Distretto Federale, dove si trova la capitale Brasilia. I seggi si sono aperti alle 8 (le 12 in Svizzera) e chiuderanno alle 17 (le 21 in Svizzera).

I due candidati che si affrontano oggi nel secondo turno delle presidenziali sono Jair Bolsonaro, del Partito Social Liberale (Psl, estrema destra) e Fernando Haddad, del Partito dei Lavoratori (Pt, sinistra), che al primo turno hanno ottenuto rispettivamente il 46% e il 29% dei voti.

Tutti i sondaggi sulle intenzioni di voto fra i due turni delle elezioni hanno visto Bolsonaro in vantaggio su Haddad, ma hanno anche registrato negli ultimi giorni una riduzione significativa della distanza fra i due. L'ultimo sondaggio della Ibope attribuisce a Bolsonaro il 54% dei voti e ad Haddad il 46%, mentre l'ultima inchiesta demoscopica della Datafolha vede Bolsonaro al 55% ed Haddad al 45%.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 2
    USA

    Biden perde consensi

    Solo il 30% degli americani ritiene che il Paese sia sulla strada giusta, mentre gli interpellati sono spaccati sull’Afghanistan

  • 3
    L’intervista

    «Urge un patto europeo su migrazione e asilo»

    Centinaia di migliaia di afghani sono pronti a seguire chi è già fuggito all’estero per sottrarsi al regime dei talebani - Michela Mercuri, docente di Geopolitica del Medio Oriente all’Università Cusano di Roma, spiega i possibili scenari nell’UE

  • 4
  • 5
    politica estera

    Il patto che esclude l’Europa

    L’alleanza anglosassone fra Stati Uniti, Regno Unito e Australia per fronteggiare l’influenza della Cina nella zona indo-pacifica non prevede il coinvolgimento di Bruxelles - La Francia perde un contratto da oltre 50 miliardi di euro - Gramaglia: «La toppa è peggio del buco»

  • 1