Regno Unito

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

La premier britannica esprime rammarico per non essere riuscita ad attuare la Brexit: «Ho servito il Paese che amo» - FOTO e VIDEO

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni
(foto Keystone)

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

(foto Keystone)

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

Theresa May in lacrime annuncia le dimissioni

LONDRA - La premier britannica Theresa May annuncia le dimissioni da leader del partito conservatore per il 7 giugno esprimendo «rammarico» per non essere riuscita ad attuare la Brexit e affidandone la realizzazione al suo successore alla guida dei Tory, che dovrà essere eletto nelle successive settimane per poi subentrarle come primo ministro a Downing Street. Theresa May conclude in lacrime il suo discorso: «Ho servito il Paese che amo», rivendica prima di girarsi e di rientrare attraverso la porta al numero 10.

«Ho fatto del mio meglio, purtroppo non sono riuscita a far passare» la ratifica della Brexit, malgrado ci abbia «provato tre volte». Ha sottolineato la premier inglese nel discorso in cui ha di fatto tracciato la sua eredità politica, invitando chi le succederà alla guida dei Tory e del governo a portare a termine l’uscita dall’Ue, ma anche a non considerare il compromesso una parola sporca. Citando lo scomparso filantropo Sir Nicholas Winton, protagonista del salvataggio di centinaia di bambini ebrei dalla Cecoslovacchia occupata dai nazisti ed ex elettore del suo collegio, ne ha ricordato «un consiglio»: «Il compromesso non è una parola sporca, la vita dipende dal compromesso».

La premier britannica ha inoltre rivendicato la politica di «un partito conservatore patriottico», che nella sua visione deve continuare a mirare a «unire la nazione» e a ridurre anche le ingiustizie sociali, predicando «sicurezza, libertà e opportunità». Theresa May ha poi aggiunto: «Ho tenuto informata Sua Maestà» la regina e resterò primo ministro fino al completamento della procedura per la nomina di un nuovo o di una nuova leader Tory.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Articoli suggeriti
Ultime notizie: Politica
  • 1