Brexit

Theresa May respinge le proposte di Jeremy Corbyn

Per la premier britannica non tenere il Paese nell’unione doganale impedirebbe a Londra di firmare accordi con altre nazioni

Theresa May respinge le proposte di Jeremy Corbyn
La premier Theresa May. (Foto Keystone)

Theresa May respinge le proposte di Jeremy Corbyn

La premier Theresa May. (Foto Keystone)

LONDRA - La premier britannica Theresa May ha respinto le proposte di Jeremy Corbyn per un piano di compromesso sulla Brexit. Rispondendo al leader del Labour, riporta il Guardian, May ha evidenziato in una lettera le sue obiezioni all’idea del capo dell’opposizione di tenere il Paese nell’unione doganale, sottolineando che questo impedirebbe a Londra di firmare accordi commerciali con altri Paesi. Tuttavia, la premier ha mostrato un’apertura sull’ambiente e sui diritti dei lavoratori: anche se non con un allineamento automatico agli standard UE come proponeva Corbyn, ma suggerendo di mettere al voto ai Comuni ogni cambiamento. May, come è emerso ieri, è intenzionata a presentarsi ai Comuni in settimana per aggiornare i deputati sul tentativo avviato con l’UE di rivedere l’accordo sulla Brexit bocciato il mese scorso per dare qualche rassicurazione «alternativa» al contestato meccanismo vincolante del «backstop»: e chiedere loro lo slittamento d’un nuovo voto sulla ratifica a fine febbraio.

Da parte sua, il capo negoziatore dell’UE per la Brexit Michel Barnier ha affermato come «bisogna che qualcosa nel Regno Unito si muova» per uscire dall’impasse sulla Brexit, «la chiarezza deve venire da Londra, è a Londra che devono trovare il modo per costruire una maggioranza positiva». Barnier si è espresso nell’ambito di una conferenza stampa in vista dell’incontro col ministro britannico per la Brexit Stephen Barclay.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Politica
  • 1