Premiata la mamma del vaccino a Rna

biotecnologie

La biochimica ungherese Katalin Karikó ha ricevuto il premio Vilcek 2022 per l’Eccellenza nelle Biotecnologie - Il premio viene conferito agli immigrati negli Stati Uniti che hanno avuto un impatto significativo sulla società americana e la cultura mondiale

Premiata la mamma del vaccino a Rna
©EPA/Csilla Cseke HUNGARY OUT

Premiata la mamma del vaccino a Rna

©EPA/Csilla Cseke HUNGARY OUT

Premiata la ‘mamma’ dei vaccini a Rna messaggero: è stato infatti assegnato il premio Vilcek 2022 per l’Eccellenza nelle Biotecnologie alla biochimica ungherese Katalin Karikó, vicepresidente senior della BioNTech Rna Pharmaceuticals, per il suo contributo scientifico allo sviluppo dei vaccini anti Covid-19 a mRna.

Il premio Vilcek Prize per l’Eccellenza, introdotto nel 2019, viene conferito agli immigrati negli Stati Uniti che hanno avuto un impatto significativo sulla società americana e la cultura mondiale, e alle persone che si sono dedicate alla causa degli immigrati.

Nata a Szolnok, Karikó si è trasferita negli Usa nel 1985 per seguire i suoi studi di postdottorato alla Temple University di Philadelphia. E’ la vicepresidente senior di BioNTech RNA Pharmaceuticals e professore associato di neurochirurgia all’università della Pennsylvania.

A metà degli anni 2000, lavorando con l’immunologo Drew Weissman, Karikó ha dimostrato che, modificando i mattoni dell’Rna messaggero, lo si rende sicuro per usarlo nei vaccini contro agenti infettivi.

«Il lavoro di Karikó ha avuto un grande impatto sulla scienza e la medicina - conclude Marica Vilcek, cofondatrice della Fondazione Vilcek - ma lo sviluppo di questi vaccini, basato sulla sua ricerca, ha anche un profondo significato umanitario. Permettendo alle persone e comunità di ritornare alle loro normali attività, ha infatti un impatto positivo diretto sulla società globale».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1