Quando la pubblicità del prodotto passa attraverso i sogni

MARKETING

La nuova, discussa, strategia: indurre nei consumatori il sogno di determinati beni di consumo, per portarli poi a desiderarli e acquistarli nella vita reale – Ma quali sono le implicazioni etiche?

Quando la pubblicità del prodotto passa attraverso i sogni
© Shutterstock

Quando la pubblicità del prodotto passa attraverso i sogni

© Shutterstock

Cosa esiste di più misterioso, intrigante e recondito di un sogno? È una delle parti più intime dell’animo umano e da sempre esercita su di noi un fascino magnetico, anche per quanto riguarda le possibili intrusioni e manipolazioni esterne nella sfera onirica, basti pensare al grandissimo successo del film Inception. E proprio in tema di influenze nella nostra mente, da qualche tempo si sta profilando l’idea di aprire in questo spazio privatissimo un ingresso per alcune campagne pubblicitarie. Si tratta di una strategia di marketing che punta a indurre nei consumatori il sogno di determinati prodotti, grazie alla visualizzazione di video o all’ascolto di file audio, e di conseguenza portarli poi a desiderare e ad acquistare tali beni di consumo nella vita reale. Alcuni scienziati sono particolarmente...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1