Reinfezione, solo in rari casi ha un decorso grave

Lo studio

La ricerca condotta da un pool di esperti ha rilevato che una seconda infezione da COVID «ha una probabilità del 90% più bassa di causare un ricovero o la morte rispetto all’infezione primaria»

Reinfezione, solo in rari casi ha un decorso grave
© AP/Vadim Ghirda

Reinfezione, solo in rari casi ha un decorso grave

© AP/Vadim Ghirda

Una eventuale seconda infezione di Covid-19 è quasi sempre più lieve della prima e solo in rarissimi casi la malattia ha una forma grave, secondo una ricerca condotta in Qatar e pubblicata sul New England Journal of Medicine.

Lo studio, condotto da ricercatori del Weill Cornell Medicine di Doha in collaborazione con l’italiano Roberto Bertollini, consulente del locale ministero della Salute, si è basato sui dati raccolti dal capillare sistema di sorveglianza qatariota che, dall’inizio della pandemia, ha registrato tutti i casi di Covid-19.

Il team ha confrontato il decorso della malattia in 1’304 persone che avevano contratto una seconda infezione negli 8-9 mesi successivi alla prima esperienza con il coronavirus con quello verificatosi in circa 6 mila persone che erano alla prima infezione. Nel primo gruppo solo 4 avevano avuto una forma severa di Covid-19; nessuno aveva avuto bisogno di terapia intensiva, né era morto. Nel gruppo di controllo, invece, 158 avevano avuto una forma grave, 28 una forma critica, 7 erano deceduti.

«Le reinfezioni hanno una probabilità del 90% più bassa di causare un ricovero o la morte rispetto all’infezione primaria», scrivono i ricercatori che provano a dare concretezza a questo dato: «per una persona che ha già avuto una prima infezione, il rischio che una reinfezione sia grave è solo dell’1% del rischio che avrebbe una persona che non si sia infettata in precedenza».

Al momento non è chiaro se i risultati della ricerca siano validi al di fuori del contesto qatariota: l’età media delle persone considerate nello studio è infatti molto bassa (quasi tutti hanno meno di cinquant’anni). Inoltre, i ricercatori precisano che non è noto quanto duri questo effetto protettivo. Tuttavia, non escludono che anche con SARS-CoV-2 possa avvenire nel tempo quanto già accaduto con altri coronavirus responsabili dei comuni raffreddori, «che suscitano un’immunità a breve termine contro una reinfezione lieve ma un’immunità a lungo termine contro una malattia più grave».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 2

    Barbados diventa una repubblica

    INDIPENDENZA

    Durantela cerimonia, lo Stendardo reale britannico è stato ritirato e la governatrice generale Dame Sandra Mason ha prestato giuramento come prima presidente dell’isola caraibica

  • 3

    La pandemia degli oppioidi: la morte corre sul Dark Web

    Il caso

    Negli Stati Uniti, gli effetti della COVID-19 causano un aumento esponenziale del consumo di antidolorifici e di morti per overdose - Sotto accusa anche i medici e il sistema di prescrizione dei farmaci - Negli ultimi anni individuati in Rete almeno una ventina di prodotti illeciti

  • 4
  • 5

    Carne di tartaruga avvelenata, 7 morti

    Tragedia

    Sette persone, tra cui un bambino, sono decedute a Pemba, un’isola dell’arcipelago semiautonomo di Zanzibar, in Tanzania, per aver mangiato l’animale

  • 1
  • 1